Intervista di Borsellino su Berlusconi, Dell'Utri e Mangano

La famosa intervista di Borsellino su Mangano e i suoi rapporti con Berlusconi e Dell'Utri, rilasciata poco prima di morire. In una delle intercettazioni di Dell'Utri Mangano gli parla di "cavalli" che devono arrivare, cioè partite di droga. Borsellino non era certo una toga rossa (sembra votasse movimento sociale), ed il fatto che sia stato ucciso è la dimostrazione che indagava nel verso giusto. Alcuni pentiti hanno accusato Berlusconi e Dell'Utri di essere i mandanti degli assassinii di Falcone e Borsellino, ma per il momento non si è ancora riuscito a dimostrare che loro siano le "persone importanti" di cui parlava Totò Riina dicendo che si era consultato con persone importanti prima della strage di Capaci.

Chi dice che le televisioni di Berlusconi non costano nulla alla società perchè non fanno pagare un canone e creano migliaia di posti di lavoro dovrebbe capire l'enorme danno che hanno fatto: innanzitutto la società paga con un enorme bombardamento televisivo le sue televisioni (e conseguente aumento dei prezzi dei prodotti sponsorizzati per coprire le spese della pubblicità), e soprattutto perchè la mancanza di informazione ha un costo ben più alto del canone rai: se mafia camorra ed 'ndrangheta hanno potuto proliferare tranquillamente negli ultimi vent'anni è anche perchè nessun giornalista e nessuna trasmissione, a parte rarissime volte, se ne sono occupati; se Napoli è sommersa dalla spazzatura è perchè nessun giornalista e nessuna trasmissione sono andati mai lì a fare domande sul sistema di gestione dei rifiuti e sulla camorra.

Naturalmente il video non è mai andato in onda in televisione, se non forse una volta da Santoro, tutti lo hanno sempre rifiutato dicendo che era roba vecchia che non interessava più a nessuno.

 

  • Categorie: intervista borsellino - berlusconi - dell'utri